“Il massimo grado di autosufficienza, è la Libertà” – Epicuro

Testo schematico di una mia “presentazione a braccio” del filosofo antico greco Epicuro ad un incontro internazionale tra Licei Classici.

“Il massimo grado di autosufficienza, è la Libertà” – Epicuro

Oggi, in questo contesto unico, speciale, simbolico dell’Agorà di Atene, vi parlerò di Epicuro, un antico filosofo greco, pensatore della Liberazione da ogni forma di schiavitù, anche mentale, che ha lasciato da questo punto, nella maturità del pensiero filosofico arcaico e classico, nella fase ellenistica oramai, un’eredità di insegnamenti pratici per una vita felice e appagante, tanto da influenzare in maniera determinante subito dopo i conquistatori Romani, conquistando la loro povera cultura quasi barbara, innestando l’idealità del buon vivere, la gioia della convivialità.
La Semplicità della Vita
Epicuro promuoveva la semplicità e la moderazione come chiavi per la felicità. Vivere come Epicuro significa liberarsi dalle inutili preoccupazioni e desideri insaziabili, concentrandosi su ciò che è essenziale per il benessere.
L’Amicizia
L’amicizia era uno dei valori più importanti per Epicuro. Vivere come Epicuro significa coltivare relazioni autentiche e profonde basate sulla fiducia, la solidarietà e il sostegno reciproco.
La Soddisfazione dei Bisogni Essenziali
Epicuro ci incoraggia a riflettere su ciò che veramente ci rende felici. Vivere come Epicuro significa concentrarsi sui bisogni essenziali, materiali e anche sentimentali, distaccandosi dalla corsa al consumismo e all’accumulo di beni materiali, spesso per motivi di puro esibizionismo, narcisismo patologico, assuefazione all’apparenza estetica, causa di alienazione e smarrimento del senso reale della vita.
La Filosofia del Giardino
Epicuro insegnava che la natura offriva un rifugio per la mente e l’anima. Vivere come Epicuro può includere momenti di ritiro nella natura, dove la bellezza e la semplicità possono portare alla pace interiore.
La Ricerca della Serenità
Per Epicuro, il timore delle divinità e delle punizioni dopo la morte era fonte di ansia. Vivere come Epicuro significa liberare la mente dalla paura del dopo-morte e concentrarsi sul godersi il presente in modo sereno, in senso di Atarassia, ΑΤΑΡΑΞΙΑ.
La Felicità nella Moderazione
Epicuro sottolineava l’importanza di bilanciare il piacere con la virtù. Vivere come Epicuro significa cercare il piacere moderato senza cadere nell’edonismo, mantenendo la moralità e l’integrità per amore verso sé stessi e verso i propri simili.
Conclusione
Vivere come Epicuro oggi, ci invita a riflettere sul significato della felicità e sulla semplicità della vita. Le sue lezioni possono arricchire il nostro percorso verso una vita più appagante. Che tu sia un cercatore di felicità o un appassionato di filosofia, Epicuro offre una guida preziosa per scoprire la gioia nella vita quotidiana nell’amicizia del proprio gruppo di appartenenza, il Giardino Filosofico Epicureo, dove non esisteva alcuna discriminazione di classi, di generi, di culture, di provenienza etnica, linguistica…
Invito all’Approfondimento
Vi invito ad approfondire la filosofia di Epicuro leggendo i suoi scritti o esplorando le numerose risorse disponibili online e in biblioteca. Pi+ preziosa diventa la ricerca didattica creativa in gruppo, interno alla classe e anche tra classi diverse, anche tra nazioni diverse, per raggiungere un senso compiuto mediando tra le mentalità diverse delle vostre nazioni di appartenenza. E’ questo il lavoro più impegnativo che svolgerete nella vostra vita, e potete già cominciare riflettendo su alcuni punti iniziali:
Riflessione e Domande
Come possiamo applicare gli insegnamenti di Epicuro alla nostra vita quotidiana?
Quali sono i principi che ci possono aiutare a vivere una vita più semplice e felice?
In che modo la filosofia di Epicuro può contrastare le ansie e le pressioni del mondo moderno?
Perché dobbiamo ragionare sempre gustando i propri sillogismi, fino a produrre nostre critiche costruttive, rifiutando manipolazione e poteri subdoli, dipendenze di abitudini, per scegliere sulle quali valori basare la nostra esistenza?
Grazie per l’attenzione!
Formatore, sociologo, giornalista, editore.
Consulente organizzazione e comunicazione.
Coordinatore di progettazione europea internazionale.

Loading

Visualizzazioni: 2