Olimpiadi di Parigi 2024, la cronaca dei giochi riparte dalla Grecia

Olimpiadi di Parigi 2024, la cronaca dei giochi riparte dalla Grecia

Martedì 16 Aprile, a 101 giorni dall’inizio ufficiale dei Giochi di Parigi 2024, ad Olimpia è stata accesa la Fiamma Olimpica che resterà accesa per tutta la durata dei giochi che si disputeranno a Parigi dal 26 luglio all’11 di agosto 2024. L’accensione della fiamma è avvenuta attraverso un rituale molto coinvolgente che segue le tradizioni dell’antica Grecia.

di Elena Cannata

 

Ma qual è il significato di questo rito così sentito? La Cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici si tiene in Grecia, a Olimpia, poiché lì si tenevano gli antichi giochi Panellenici. Per i greci il fuoco era un elemento sacro e davanti ai loro templi venivano alimentati fuochi perpetui. Durante le Olimpiadi antiche, una fiamma ardeva perennemente sull’altare del santuario della dea Estia. La Fiamma Olimpica è stata accesa davanti al tempio di Era, da un’attrice che ha interpretato la parte della sacerdotessa, utilizzando una parabola (Skaphia) per concentrare i raggi del sole e accendere la torcia. Le sacerdotesse che hanno preso parte alla cerimonia dell’accensione sono state scelte dal Comitato Olimpico Ellenico.

 

 

La cerimonia si collega alla tradizione olimpica antica, che fa riferimento ai mito di Prometeo, che rubò il potere del fuoco a Zeus: per questo, la fiamma è il simbolo della vita, della libertà e dell’inventività che connotano la civiltà mediterranea.

Nella stessa giornata è stato reso omaggio al barone Pierre De Coubertin, a cui si devono i Giochi moderni, il cui cuore è sepolto ad Olimpia, nel sito dell’Accademia Olimpica Internazionale. Dalle Olimpiadi di Berlino del 1936 questa cerimonia – simbolo apre il più grande evento sportivo mondiale. A causa delle nuvole su Olimpia non è stato possibile far convergere i raggi di sole all’interno di uno specchio cilindrico parabolico, cosi l’attrice Mary Mina, che impersonava un’antica sacerdotessa dell’antica Grecia, alla fine ha dovuto utilizzare la fiamma di riserva creata durante le prove del giorno prima.

 

 

Ora la fiamma ha intrapreso un lungo viaggio in tutte le città elleniche, che durerà 11 giorni, attraversando la Grecia trasportata da una staffetta di tedofori. Viaggerà dall’isola ionia di Corfù, alla cicladica Santorini, via Kastellorizo, nel Dodecaneso, vicino alle coste turche. Si fermerà una notte sulla roccia dell’Acropoli e il 26 aprile la fiamma sarà ceduta agli organizzatori francesi nello Stadio Panathinaikos di Atene, luogo in cui, nel 1896 si svolsero i primi Giochi Olimpici moderni. Poi raggiungerà la Francia e sbarcherà a Marsiglia l’8 maggio.

Guarda il video del viaggio della fiamma Olimpica in giro per la Grecia

 

 

La nuotatrice Manaudou, vincitrice di un oro olimpico nel 2004 ad Atene, succederà a Stefanos Ntouskos, campione olimpico di canottaggio a Tokyo 2020, diventando la prima tedoforo francese a portare la fiamma. Le sacerdotesse che partecipano alla cerimonia dell’accensione vengono scelte dal Comitato Olimpico Ellenico. La prima donna a ricoprire il ruolo della Sacerdotessa Suprema fu la maestra di danza Koula Pratsika. Le sacerdotesse, il coreografo e i musicisti sono volontari e non percepiscono alcun compenso. La fiamma viene accesa all’altare di Era, davanti al tempio della dea, nell’ antica città di Olimpia. La cerimonia richiama il legame con la tradizione olimpica antica, che a sua volta richiama il mito di Prometeo, che rubò il potere del fuoco a Zeus: così, la fiamma è il simbolo della vita, della libertà e dell’inventività che ha creato la civiltà umana.

 

 

Dal 1992, in occasione di ogni Olimpiade, il Comitato Olimpico Internazionale chiede ufficialmente alla comunità internazionale (con il supporto dell’ONU) di osservare la tregua olimpica.

Il summit del Millennio, tenutosi a New York, nella sede delle Nazioni Unite, dal 6 all’8 settembre 2000, e che ha visto convenuti più di 150 capi di Stato e di governo, ha adottato la “Dichiarazione del Millennio” in cui è incluso un paragrafo sulla “Tregua olimpica”.

 

Elena Cannata

Educatore professionale, dottoressa in Scienze Politiche 

Notizie dal web e Foto Wikipedia

Loading

Visualizzazioni: 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *